Prodotti

» Prodotti » GAPI SOTTOSOPRA » Stucco epossidico Sottosopra kg 0.3 »

Stucco epossidico Sottosopra kg 0.3

Stucco epossidico Sottosopra kg 0.3
Marca: Sottosopra
Modello: kg 0.3
Codice: stccpssdc
(0) Recensioni
Generalmente spedito entro 6 giorni
Prezzo: 8,50€ 
Spese di spedizione: 13,00
Supplemento spedizione: 2,00
Questo prodotto necessita di un imballo speciale.
Puoi ritirare questo prodotto in Via Cronato, 42/C Catania (CT) e risparmiare le spese di spedizione.
Informazioni
Recensioni

Stucco epossidico da kg 0.3

 

Stucco epossidico bicomponente specificatamente formulato per stuccare i pavimenti prima della verniciatura con le resine della gamma Sottosopra.
Adatto per gres, ceramica, cemento e monocottura.
Carteggiabile e verniciabile dopo 8 ore, vita utile dopo la miscelazione 45'.

 

Lo stucco epossidico è un prodotto utilizzato soprattutto per sanare i giunti di ambienti molto umidi rivestiti in piastrelle, come bagni e cucine.

 
 Ha una consistenza molto più dura dello stucco normale e per questo motivo è più difficile da stendere, ma ha numerosi vantaggi, ad esempio:
- non si sporca, quindi mantiene il colore della fuga scelto
- evita la formazione di funghi e muffe nelle fughe.
Anche se il suo costo è leggermente superiore rispetto ai comuni collanti e riempitivi, lo stucco epossidico costituisce una soluzione ottimale, per posare in opera sia rivestimenti che pavimenti .

 

In genere, quando si realizzano le fughe in un pavimento o in un rivestimento, dopo aver posato in opera le piastrelle con gli opportuni distanziatori, si dovrà stendere lo stucco epossidico con un frattazzo di gomma. La superficie stuccata, ancora fresca, dovrà essere bagnata con acqua pulita; questo perchè lo stucco epossidico ha una consistenza piuttosto pastosa.

Per fare in modo che il prodotto si distribuisca in maniera uniforme nelle fughe sarà necessario frattazzare la superficie con un feltro morbido bagnato, avendo cura di pulirlo frequentemente con abbondante acqua.


Di seguito sarà necessario pulire la superficie ancora fresca con uno spandiboiacca, per eliminare il prodotto in eccesso e infine, la fase di pulitura del pavimento o del rivestimento dovrà essere completata utilizzando una spugna morbida molto umida.

 

I suoi utilizzi sono molteplici, tra cui:

-stuccatura di pavimenti e rivestimenti industriali e non, che richiedono una elevata igienicità, resistenza meccanica e all’attacco di acidi
- stuccatura di piscine, in particolare vasche contenenti acqua termale o salmastra
- stuccatura in vasche contenenti acque molto aggressive, come le vasche di depurazione
- incollaggio di soglie e davanzali in marmo
- incollaggio di piastrelle in piscine in vetroresina
- incollaggio di pezzi speciali di piastrelle.

 

Questo prodotto è molto versatile e lo si può adoperare per eseguire stuccature di mosaici vetrosi, anche se presentano fughe di larghezza inferiore ai 3 mm.

Dopo l’applicazione, il prodotto garantisce una superficie finale liscia, compatta, non assorbente; infatti, è facilmente pulibile e resistente alle fessurazioni.

Lo stucco epossidico in genere, avendo una composizione piuttosto pastosa è esente da ritiri e di conseguenza è meno soggetto a fenomeni di fessurazione e formazione di crepe.

 

Stucco epossidico da kg 0.3

 

Stucco epossidico bicomponente specificatamente formulato per stuccare i pavimenti prima della verniciatura con le resine della gamma Sottosopra.
Adatto per gres, ceramica, cemento e monocottura.
Carteggiabile e verniciabile dopo 8 ore, vita utile dopo la miscelazione 45'.

 

Lo stucco epossidico è un prodotto utilizzato soprattutto per sanare i giunti di ambienti molto umidi rivestiti in piastrelle, come bagni e cucine.

 
 Ha una consistenza molto più dura dello stucco normale e per questo motivo è più difficile da stendere, ma ha numerosi vantaggi, ad esempio:
- non si sporca, quindi mantiene il colore della fuga scelto
- evita la formazione di funghi e muffe nelle fughe.
Anche se il suo costo è leggermente superiore rispetto ai comuni collanti e riempitivi, lo stucco epossidico costituisce una soluzione ottimale, per posare in opera sia rivestimenti che pavimenti .

 

In genere, quando si realizzano le fughe in un pavimento o in un rivestimento, dopo aver posato in opera le piastrelle con gli opportuni distanziatori, si dovrà stendere lo stucco epossidico con un frattazzo di gomma. La superficie stuccata, ancora fresca, dovrà essere bagnata con acqua pulita; questo perchè lo stucco epossidico ha una consistenza piuttosto pastosa.

Per fare in modo che il prodotto si distribuisca in maniera uniforme nelle fughe sarà necessario frattazzare la superficie con un feltro morbido bagnato, avendo cura di pulirlo frequentemente con abbondante acqua.


Di seguito sarà necessario pulire la superficie ancora fresca con uno spandiboiacca, per eliminare il prodotto in eccesso e infine, la fase di pulitura del pavimento o del rivestimento dovrà essere completata utilizzando una spugna morbida molto umida.

 

I suoi utilizzi sono molteplici, tra cui:

-stuccatura di pavimenti e rivestimenti industriali e non, che richiedono una elevata igienicità, resistenza meccanica e all’attacco di acidi
- stuccatura di piscine, in particolare vasche contenenti acqua termale o salmastra
- stuccatura in vasche contenenti acque molto aggressive, come le vasche di depurazione
- incollaggio di soglie e davanzali in marmo
- incollaggio di piastrelle in piscine in vetroresina
- incollaggio di pezzi speciali di piastrelle.

 

Questo prodotto è molto versatile e lo si può adoperare per eseguire stuccature di mosaici vetrosi, anche se presentano fughe di larghezza inferiore ai 3 mm.

Dopo l’applicazione, il prodotto garantisce una superficie finale liscia, compatta, non assorbente; infatti, è facilmente pulibile e resistente alle fessurazioni.

Lo stucco epossidico in genere, avendo una composizione piuttosto pastosa è esente da ritiri e di conseguenza è meno soggetto a fenomeni di fessurazione e formazione di crepe.

 

Stucco epossidico da kg 0.3

 

Stucco epossidico bicomponente specificatamente formulato per stuccare i pavimenti prima della verniciatura con le resine della gamma Sottosopra.
Adatto per gres, ceramica, cemento e monocottura.
Carteggiabile e verniciabile dopo 8 ore, vita utile dopo la miscelazione 45'.

 

Lo stucco epossidico è un prodotto utilizzato soprattutto per sanare i giunti di ambienti molto umidi rivestiti in piastrelle, come bagni e cucine.

 
 Ha una consistenza molto più dura dello stucco normale e per questo motivo è più difficile da stendere, ma ha numerosi vantaggi, ad esempio:
- non si sporca, quindi mantiene il colore della fuga scelto
- evita la formazione di funghi e muffe nelle fughe.
Anche se il suo costo è leggermente superiore rispetto ai comuni collanti e riempitivi, lo stucco epossidico costituisce una soluzione ottimale, per posare in opera sia rivestimenti che pavimenti .

 

In genere, quando si realizzano le fughe in un pavimento o in un rivestimento, dopo aver posato in opera le piastrelle con gli opportuni distanziatori, si dovrà stendere lo stucco epossidico con un frattazzo di gomma. La superficie stuccata, ancora fresca, dovrà essere bagnata con acqua pulita; questo perchè lo stucco epossidico ha una consistenza piuttosto pastosa.

Per fare in modo che il prodotto si distribuisca in maniera uniforme nelle fughe sarà necessario frattazzare la superficie con un feltro morbido bagnato, avendo cura di pulirlo frequentemente con abbondante acqua.


Di seguito sarà necessario pulire la superficie ancora fresca con uno spandiboiacca, per eliminare il prodotto in eccesso e infine, la fase di pulitura del pavimento o del rivestimento dovrà essere completata utilizzando una spugna morbida molto umida.

 

I suoi utilizzi sono molteplici, tra cui:

-stuccatura di pavimenti e rivestimenti industriali e non, che richiedono una elevata igienicità, resistenza meccanica e all’attacco di acidi
- stuccatura di piscine, in particolare vasche contenenti acqua termale o salmastra
- stuccatura in vasche contenenti acque molto aggressive, come le vasche di depurazione
- incollaggio di soglie e davanzali in marmo
- incollaggio di piastrelle in piscine in vetroresina
- incollaggio di pezzi speciali di piastrelle.

 

Questo prodotto è molto versatile e lo si può adoperare per eseguire stuccature di mosaici vetrosi, anche se presentano fughe di larghezza inferiore ai 3 mm.

Dopo l’applicazione, il prodotto garantisce una superficie finale liscia, compatta, non assorbente; infatti, è facilmente pulibile e resistente alle fessurazioni.

Lo stucco epossidico in genere, avendo una composizione piuttosto pastosa è esente da ritiri e di conseguenza è meno soggetto a fenomeni di fessurazione e formazione di crepe.

 

Non sono ancora presenti recensioni

Arredo bagno - Mobili e accessori bagno - Rubinetteria - Ceramiche - Vasche e box doccia - Termoidraulica a Catania e Sicilia.

Promozioni Promozioni
Chiama Ora
+39095361514